Soffri di allergie stagionali? Ecco perché devi proteggere la tua bocca - Sorrisodeciso: il filo diretto col tuo dentista
Allergie e intolleranze: quali prodotti scegliere
9 Giugno 2020

Soffri di allergie stagionali? Ecco perché devi proteggere la tua bocca

 

Arriva la primavera, le giornate si allungano, la natura rifiorisce e tutti si godono il bel tempo all’aperto. Ma se soffri di allergie stagionali, per te l’arrivo della bella stagione può essere un vero e proprio tormento.

Prurito, bruciore agli occhi, starnuti, naso tappato e chi più ne ha più ne metta. I sintomi dell’allergia possono essere talmente fastidiosi da rovinare le tue giornate, e non solo: possono avere effetti negativi anche sulla salute della tua bocca. In che modo? I danni alla bocca derivano sia dall’allergia, ma anche dai farmaci che prendi per ridurre i sintomi.

 

L’allergia ti costringe a respirare con la bocca

 

Quando i pollini invadono l’aria, uno dei sintomi più diffusi se soffri di allergia stagionale è la rinite, una reazione infiammatoria che provoca starnuti e congestione nasale. Quando hai il naso tappato non ti resta che respirare con la bocca, e qui iniziano i problemi.

Infatti quando respiri con la bocca, puoi provare una sensazione di secchezza perché il flusso della saliva è ridotto. Questa condizione, oltre ad essere molto fastidiosa, è anche dannosa per la salute orale. La saliva infatti ha un ruolo importantissimo perché protegge dai batteri e dai microrganismi dannosi, remineralizza i denti e permette di masticare e deglutire in modo agevole. Quando il flusso salivare è scarso o assente, hai un rischio maggiore di sviluppare problemi come la carie, la gengivite e l’alito cattivo.

La riduzione della saliva può presentarsi anche in seguito all’assunzione di farmaci per controllare l’allergia. Infatti molti medicinali, come gli antistaminici, hanno tra gli effetti collaterali anche la secchezza orale.

 

Mal di gola e sensazione di bruciore

 

Quando sei costretto a respirare con la bocca, anche la gola ne risente. Quando inspiri dal naso infatti, l’aria si riscalda, si umidifica e si purifica, come se passasse da una sorta di filtro. Se invece respiri attraverso la bocca questo processo non avviene e l’aria può irritare la gola, provocando una sensazione di fastidio e di bruciore . Tutti questi sintomi noiosi potrebbero renderti molto difficile svolgere anche le azioni più semplici, tra cui l’igiene orale domiciliare. Di conseguenza, se non riesci a rimuovere correttamente la placca, rischi che con il tempo insorgano carie e gengiviti.

 

Dolore ai denti

 

Può capitare che l’allergia provochi anche una sinusite, cioè l’infiammazione dei seni paranasali (le cavità presenti nelle ossa del cranio). Quando c’è una congestione a livello dei seni mascellari, che si trovano proprio sopra la bocca, potresti sentire dolore ai denti superiori a causa della pressione presente nei seni. In questo caso devi cercare di risolvere questa infiammazione consultando il tuo medico, che può consigliarti dei farmaci e delle terapie adatte.

 

Come proteggere la salute orale in caso di allergia

 

Abbiamo visto che il problema principale è legato alla secchezza della bocca. Puoi cercare di contrastare questo spiacevole disturbo in diversi modi, cercando di mantenerti idratato e utilizzando dei prodotti specifici. Ci sono infatti dei dentifrici, gel e collutori formulati proprio per darti sollievo e proteggere la tua bocca in caso di secchezza (puoi trovarne alcuni cliccando qui).

Se invece vuoi lenire sia il fastidio in bocca, ma anche nella gola, sul mercato sono disponibili dei collutori che possono essere ingeriti, per donare sollievo anche alle mucose della faringe (li trovi cliccando su questo link).

 

Per sapere quale prodotto è più indicato per le tue esigenze, puoi chiedere un parere e un consiglio al tuo igienista dentale o al tuo odontoiatra di fiducia.

 

Dr. Massimo Roperti

iscriviti alla nostra
newsletter