I denti da latte e la carie: le cose che devi sapere - Sorrisodeciso: il filo diretto col tuo dentista
Curiosità & falsi miti
12 Giugno 2020

I denti da latte e la carie: le cose che devi sapere

Se hai un figlio piccolo, potresti esserti chiesto se i suoi denti da latte possono rovinarsi e cariarsi come quelli degli adulti. La risposta è sì.

I denti da latte possono cariarsi, allo stesso modo dei denti permanenti. Secondo una recente indagine, in Italia, circa l’8% dei bambini sotto i 6 anni di età potrebbe essere affetto da carie.  La stessa indagine ha spiegato che molti genitori non sono a conoscenza dei meccanismi che portano allo sviluppo di carie nei bambini. In questo articolo puoi scoprire quali sono le cause principali di questa patologia e come prevenirla.

 

I denti da latte sono delicati

I denti decidui, meglio conosciuti come denti da latte, iniziano a spuntare verso i sei mesi di età. Anche se sembrano uguali ai denti permanenti, in realtà sono più fragili. Infatti nei denti da latte lo smalto e la dentina (gli strati più esterni) sono più sottili rispetto ai denti permanenti, e ciò li rende più suscettibili alla carie. I primi denti decidui iniziano a cadere intorno ai 6 anni di età, e lasciano pian piano spazio ai denti permanenti, che dureranno tutta la vita.

 

La carie nei bambini

La carie è una malattia che comporta la distruzione dei tessuti duri del dente, e si sviluppa a causa di diversi fattori, tra cui i batteri e gli zuccheri.

Quando si presenta nei bambini sotto i sei anni di età, che hanno ancora i denti da latte, si parla generalmente di “carie della prima infanzia”.

Se non viene trattata, può progredire velocemente causando dolore e fastidio e portando alla distruzione dei denti. A causa di questi sintomi, il bambino potrebbe avere difficoltà a dormire, mangiare e parlare.

 

La carie può avere effetti molto seri sulla salute generale

Quando questa patologia progredisce, il bambino potrebbe andare incontro a numerosi problemi:

  • Aumenta il rischio di sviluppare malocclusioni e carie in dentizione mista e permanente (cioè quando nella bocca ci sono sia denti da latte che permanenti).
  • Aumentano gli episodi di dolore ai denti. Spesso il bambino ha bisogno di visite di emergenza dal dentista, e a causa di queste situazioni spiacevoli potrebbe sviluppare una sensazione di paura che rende difficile le visite e le cure e che può restare anche negli anni successivi.
  • Può influenzare negativamente la crescita e lo sviluppo del bambino, condizionando anche la capacità di apprendimento e la performance

Perché si sviluppa e come prevenirla

La carie della prima infanzia si sviluppa a causa di diversi fattori: i principali sono i batteri e gli zuccheri. Quando il dente erompe, cioè spunta dalle gengive, i microrganismi responsabili della carie iniziano a produrre acidi usando come “combustibile” gli zuccheri che il bambino assume durante la giornata. Con il tempo, questa acidità può dissolvere lo smalto dentale causando una demineralizzazione e portare successivamente alla carie. Per evitare questo processo, è importante mettere in pratica delle buone abitudini e controllare i fattori di rischio:

  • È importante rimuovere i batteri dalle superfici dei denti dopo ogni pasto. Se vuoi sapere come detergere i denti appena erotti, puoi leggere i consigli della Dr.ssa Magda cliccando qui.
  • Evita di mettere miele o zucchero sul ciuccio. Questa pratica è molto comune per cercare di tranquillizzare il bambino, ma la presenza di zuccheri nella bocca, soprattutto prima di dormire, è molto dannosa per i denti dei più piccoli.
  • Non mettere in bocca le posate o il ciuccio del bambino: così facendo, rischi di trasmettere al piccolo i batteri presenti nel tuo cavo orale.
  • Per fare addormentare il bambino, è molto comune dare il biberon con latte o bevande dolci: questa pratica è molto rischiosa perché lo zucchero contenuto nei liquidi rimane a lungo nella bocca del bambino favorendo l’insorgenza della carie.
  • Cerca di limitare le poppate notturne, e favorisci l’allattamento a richiesta. Durante la notte infatti, il flusso salivare è ridotto e quindi l’effetto protettivo della saliva è diminuito.
  • Chiedi un consiglio al tuo odontoiatra di fiducia o al tuo igienista, che possono indicarti dei prodotti specifici per rinforzare lo smalto dei denti da latte (puoi trovare i prodotti dedicati ai più piccoli cliccando qui).

Il ministero della Salute Italiano consiglia di sottoporre i bambini alla prima visita odontoiatrica tra i 18 e 24 mesi di età. É importante portare il bambino nello studio dentistico innanzitutto per fare un controllo e ricevere dei consigli personalizzati per proteggere la salute orale. Un altro obiettivo è anche quello di far sì che il bambino si abitui alle visite dal dentista senza avere timori e vivendo un’esperienza positiva.

 

Dr.ssa Alice Filippi

iscriviti alla nostra
newsletter