Quando e come iniziare a pulire i dentini di tuo figlio: domande e risposte - Sorrisodeciso: il filo diretto col tuo dentista
Bambini e igiene orale: amore impossibile?
29 Maggio 2020

Quando e come iniziare a pulire i dentini di tuo figlio: domande e risposte

Ti sembra passato poco tempo da quando tuo figlio è arrivato, ed ecco che in un battibaleno nella sua bocca iniziano a fare capolino i primi dentini.

La comparsa dei primi denti da latte, che di norma avviene intorno ai 6 mesi di età, è una tappa importante della crescita del tuo bambino. Di solito con i dentini arrivano anche i dubbi su come comportarsi per proteggerli al meglio fin da subito.

 

Quando inizio a pulire i denti di mio figlio?

 

La salute della bocca influenza in modo significativo anche la salute generale, per questo devi dedicare il giusto tempo all’igiene orale di tuo figlio. I dentini vanno puliti non appena erompono (cioè appena sbucano dalle gengive). Infatti la placca, che è presente sulle gengive e sulle mucose della bocca, si deposita anche sui denti appena spuntati. Se non la rimuovi, con il passare del tempo può causare diversi problemi, primo fra tutti la carie (se vuoi saperne di più sulla placca, leggi qui).

 

Cosa uso per pulire i denti del mio bambino?

 

Per rimuovere la placca dai denti di tuo figlio, puoi scegliere tra vari strumenti che si adattano alle diverse fasi della crescita. In questo articolo puoi scoprire quali ausili utilizzare per pulire i denti appena erotti.

 

Facciamo un passo indietro: anche se il tuo bambino non ha ancora i denti, è buona abitudine detergere le gengive e le mucose orali dopo ogni poppata. Per farlo, puoi avvolgere delle garzine attorno al dito e strofinare delicatamente l’interno della bocca per rimuovere i batteri. Puoi utilizzare delle comuni garze, assicurandoti che siano morbide per garantirti una pulizia delicata, oppure puoi usare delle garze studiate appositamente per l’igiene orale dei più piccoli ( come quelle che trovi cliccando qui).

 

Con la comparsa dei primi dentini, puoi iniziare ad utilizzare degli spazzolini molto morbidi e piccoli, che si adattano alle dimensioni ridotte della bocca di tuo figlio.

Ci sono gli spazzolini in silicone che puoi infilare sul dito per poi spazzolare in modo semplice i denti e massaggiare delicatamente le gengive (scoprili cliccando qui).

Se invece preferisci usare uno spazzolino tradizionale (eccone alcuni qui), sul mercato trovi diverse varianti che hanno delle caratteristiche precise:

  • La testina piccola e le setole morbide per detergere in modo delicato, senza creare traumi o ferite.
  • Il manico ergonomico, adatto alle mani dell’adulto che si occupa della pulizia dei denti dei più piccoli.

Dentifricio, SI o NO?

 

Il metodo più efficace per rimuovere la placca è lo spazzolino, che con le setole deterge i denti e allontana i batteri. Questo vale sia per gli adulti che per i bambini. Tuttavia, in alcuni casi, il dentifricio può offrirti una protezione in più, perché contiene fluoro o altre sostanze che rinforzano lo smalto.

Se vuoi utilizzare un dentifricio per pulire i denti di tuo figlio, devi tenere presente che i bambini piccoli non sono in grado di controllare la deglutizione e quindi c’è il rischio che lo ingoino involontariamente. Ecco alcuni consigli per orientarti nella scelta:

  • Da 0 a 6 mesi utilizza dei gel sicuri anche se vengono deglutiti (eccone uno qui),
  • Dai 6 mesi ai 6 anni puoi usare un dentifricio a basso contenuto di fluoro, ricordandoti che ne basta davvero poco (una dose pari a un chicco di riso). In alternativa puoi scegliere dei dentifrici che rinforzano lo smalto senza contenere fluoro. Puoi dare un’occhiata ai diversi prodotti cliccando su questo link.

Se hai bisogno di altre informazioni, puoi richiedere un parere al tuo dentista o al tuo igienista di fiducia. Nel frattempo non dimenticarti di iscriverti alla newsletter, per ricevere ogni settimana consigli utili per proteggere la salute di tutta la famiglia.

 

Dr. Magda Baczak

iscriviti alla nostra
newsletter