Impianti e infiammazione: attenzione alla mucosite - Sorrisodeciso: il filo diretto col tuo dentista
Le patologie del cavo orale
27 Ottobre 2021

Impianti e infiammazione: attenzione alla mucosite

Tempo di lettura: 2min 26sec

I denti sono esposti ogni giorno all’attacco dei batteri. Potresti pensare che l’impianto dentale sia al sicuro: d’altronde è finto, non può cariarsi. Certo, però le mucose intorno all’impianto sono comunque a contatto con i microrganismi (e alcuni possono causare danni). Se pensi ai denti, i batteri possono causare la gengivite. Si tratta di un’infiammazione delle gengive che può risolversi con un’accurata igiene orale. Ecco, quando questa patologia si presenta intorno agli impianti, si chiama mucosite.

Cos’è la mucosite perimplantare?

La mucosite è l’infiammazione che colpisce i tessuti molli intorno all’impianto dentale. Come succede sui denti naturali, anche questa infiammazione sarebbe causata dalla placca batterica. Per fortuna la mucosite è reversibile se intervieni in tempo. Come? Innanzitutto bisogna cogliere i segnali di allarme. Vediamo quali sono.

La mucosite: quali sono i sintomi?

L’infiammazione delle mucose intorno agli impianti può presentarsi con diversi sintomi:

  • Rossore dei tessuti intorno all’impianto.
  • Possibile gonfiore delle gengive.
  • Sanguinamento quando spazzoli, ma soprattutto durante le visite di controllo dal tuo odontoiatra o dall’igienista dentale.
  • Talvolta può comparire fastidio o dolore, ma non è così per tutti.

Qual è il trattamento della mucosite?

Come abbiamo detto, la mucosite è reversibile. Infatti in questo stadio l’infiammazione colpisce solo i tessuti molli. L’osso sottostante infatti non è intaccato ed è quindi intatto. Se il tuo dentista esegue una visita e diagnostica la mucosite, si procede a rimuovere la causa, ovvero la placca.

Dopo una seduta di igiene orale professionale, è importante curare al meglio l’igiene domiciliare. Solo rimuovendo in modo preciso i batteri, usando spazzolino, filo o scovolini, puoi riportare le mucose in uno stato di salute. Solitamente la mucosite si risolve nel giro di 3 settimane, quando c’è un corretto controllo della placca batterica.

L’importanza della prevenzione

La mucosite può essere un campanello di allarme di qualcosa di più serio. Se non si interviene infatti, l’infiammazione può estendersi fino all’osso sottostante e minacciare la stabilità dell’impianto. In questo caso infatti, si parla di perimplantite. Fermare la distruzione dell’osso intorno agli impianti è molto complicato. Proprio per questo, prevenire qualsiasi forma di malattia delle mucose è fondamentale per mantenere in salute denti e impianti. La parola d’ordine è sempre la stessa: igiene domiciliare.

Per rimuovere in modo corretto la placca batterica, segui le indicazioni del tuo igienista dentale di fiducia. A questo proposito, puoi trovare i migliori prodotti nella sezione dello shop dedicata al mantenimento degli impianti dentali.

Hai bisogno di consigli? Scrivici in Live Chat!

Dr. Giovanni Manfrini

iscriviti alla nostra
newsletter