La bocca e i campanelli d’allarme per la celiachia - Sorrisodeciso: il filo diretto col tuo dentista
Allergie e intolleranze: quali prodotti scegliere
24 Luglio 2020

La bocca e i campanelli d’allarme per la celiachia

 

Cos’è la celiachia

 

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, una proteina presente nel grano, nella segale e nell’orzo.

Questa malattia si manifesta con un danno alla mucosa dell’intestino e avviene per un meccanismo autoimmune nelle persone geneticamente predisposte.

Il danno alla mucosa intestinale provoca un malassorbimento dei nutrienti, che può dare sintomi come il dolore addominale o la perdita di peso. Una volta si pensava che questo disturbo colpisse solo i bambini; in realtà è stato confermato che questo disturbo si può presentare a qualsiasi età.

La celiachia può essere trattata in modo efficace seguendo una dieta senza glutine. È importante sapere che iniziare una dieta senza glutine senza aver prima fatto degli esami, quindi solo per il sospetto di essere celiaci, può avere un effetto dannoso. Per questo bisogna sempre affidarsi a uno specialista per essere sicuri di intraprendere una dieta corretta e utile.

 

La celiachia in Italia

 

In Italia la celiachia rappresenta l’intolleranza alimentare più diffusa: ad oggi le persone con diagnosi di celiachia sono circa 200.000, ma in realtà il numero reale dei casi si aggirerebbe intorno ai 600.000.

Infatti molto spesso è difficile fare una diagnosi chiara perché i sintomi non sono sempre così eclatanti e definiti. Qui entra in gioco il cavo orale: infatti la celiachia può avere degli effetti anche sulla salute della bocca. Proprio per questo motivo, molte volte possono essere proprio il tuo dentista o l’igienista dentale a consigliarti un approfondimento medico perché notano dei sintomi sospetti nella tua bocca.

 

La bocca e i campanelli d’allarme della celiachia

 

La ricerca scientifica ha dimostrato come la celiachia possa influire sulla bocca e sui denti. Le manifestazioni più comuni sono la presenza di difetti dello smalto e la comparsa di afte ricorrenti, sia nel bambino che nell’adulto.

Molte volte infatti la celiachia insorge proprio durante l’età in cui si stanno formando i denti permanenti e per questo motivo lo smalto di questi denti può svilupparsi in modo anomalo.

Non è raro infatti che nei bambini i denti che spuntano abbiano sulla superficie delle macchie bianche o gessose. Talvolta lo smalto può presentare dei difetti più marcati, come dei solchi o delle fessure. Se il dentista esclude altre possibili cause, queste anomalie potrebbero essere collegate proprio all’intolleranza al glutine.

Un’altra problematica che spesso si presenta nelle persone celiache sono le afte ricorrenti (se vuoi saperne di più su queste fastidiose ulcere, puoi leggere l’articolo dedicato cliccando qui). Il meccanismo con cui insorgono le afte nella persona celiaca non è ben noto, ma potrebbe essere collegato al mal assorbimento dei nutrienti che causa una carenza di ferro, acido folico e vitamina B12. Anche in questo caso, le afte possono essere correlate anche ad altre problematiche oppure comparire senza che ci siano particolari condizioni di salute generale. Tuttavia, se consideriamo che la celiachia è molto comune, la presenza di queste ulcere potrebbe far sospettare che alla base ci sia un’intolleranza al glutine.

 

Altre manifestazioni della celiachia potrebbero essere un ritardo nell’eruzione dei denti, che spuntano più tardi rispetto all’età standard, oppure la presenza di infiammazione della lingua o delle labbra.

 

É bene sapere che questi sintomi non per forza sono collegati alla celiachia: per questo è importante che tu ti rivolga al tuo dentista di fiducia per capire quali possono essere le cause dei disturbi e agire nel modo corretto.

 

Se vuoi restare sempre aggiornato sulle curiosità riguardanti il cavo orale, non dimenticarti di iscriverti alla newsletter.

 

Dr Massimo Roperti

iscriviti alla nostra
newsletter